La penna degli Altri 30/06/2020 - 09:28

Regalati già 21 gol con 13 punti in meno. E la Champions se ne va via così

Ventuno errori che sono valsi altrettanti gol e tredici punti lasciati per strada. Senza amnesie ed imprecisioni individuali, la Roma di Fonseca sarebbe addirittura terza, a pari punti con l' e con 8 lunghezze sull'AtalantaPerché su 38 gol presi, ben 21 sono nati proprio da disattenzioni varie. Il primo ad aprire le danze è stato Juan Jesus nella gara d'esordio contro il , quindi nel derby d'andata Kolarov, che si è ripetuto a (l'errore non pesa, visto il gol successivo di ), Veretout e Pau Lopez in , Mancini contro il Cagliari, poi Cetin contro il , quindi il pasticcio di Kluivert e Diawara a Parma e il fallo ingenuo di Kolarov su Cionek contro la Spal (la Roma vincerà 3-1).

Da gennaio più o meno la stessa musica. I regali iniziano contro Torino e , poi l'errore clamoroso di Pau Lopez nel derby di ritorno. E ancora imprecisioni di Santon contro il , Smalling contro il , Pellegrini contro l'Atalanta, infine Smalling a Cagliari. Nel post-Covid aprono gli errori in fase di disimpegno di Diawara contro Sampdoria e Milan e in mezzo il passaggio sbagliato di Zappacosta.

(Gasport)