La penna degli Altri 13/11/2019 - 08:10

DZEKO: "Il primo giorno ho parlato con Fonseca, gli ho detto che mi sentivo un giocatore della Roma. La fascia? Pesa, ma sono pronto"

LA STAMPA - Il centravanti della Roma, Edin Dzeko, ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano oggi in edicola, parlando del momento dei giallorossi, di Fonseca e del mercato. Queste le sue parole:

Gioca con Zaniolo: pregi e difetti?
Il primo giorno in allenamento andava a mille. E così ha continuato. Il talento ce l’ha, ma deve migliorare. È un bravo ragazzo e deve essere grato alla Roma, ora non deve pensare al futuro. Magari un giorno andrà altrove, gli ho detto di guardare avanti e non accontentarsi mai.

Senza Florenzi è il capitano della Roma: sensazioni?
Quella fascia l’hanno indossata Totti e De Rossi, pesa. Ma sono pronto.

Che cosa è cambiato da quando loro hanno lasciato?
Con loro avevi più personalità in campo e fuori, si è perso qualcosa. Con me, Kolarov, Fazio, Mirante e Florenzi ci sono tanti giovani, ora sta a noi indirizzarli.

Dzeko all’Inter sembrava fatta, poi che è successo?
Il mercato è troppo lungo, nel mio caso ha pesato. Con la testa ero ovunque, così nel primo giorno di ritiro ho parlato con Fonseca e gli ho detto che mi sentivo un giocatore della Roma.

Si considera un nuovo acquisto?
Sono più motivato e contento. Quando sei così rendi di più.

Che qualità deve avere un allenatore per entrare nella testa di Dzeko?
Deve avere personalità ed essere onesto. Fonseca lo è: ti parla con schiettezza anche quando non giochi, sa dare importanza a tutti. Ci ha fatto capire che qui c’è un progetto, non siamo di passaggio.

Nell’ultimo Roma-Napoli è andato sotto la curva per zittire i cori razzisti, che cosa ha provato?
La cosa migliore è che dopo il mio intervento hanno smesso con quei cori.

Ha cercato di mettersi nella testa di certi tifosi?
Non li comprendo proprio. Ho giocato con ragazzi di ogni paese, siamo tutti fratelli. Non capisco che cosa abbiano in testa, certa gente deve stare a casa. Allo stadio non ci serve.

La Juve resta imbattibile?
Sono sempre i favoriti, ma l’Inter può impensierirli. Conte trasmette fiducia.

E la Roma?
Dopo una partenza negativa, ci siamo ripresi. Perdere a Parma non ci voleva, ma questa società deve stare in alto.