Campionato 29/06/2020 - 18:27

Udinese, Fofana: "Giovedì riavremo de Paul, speriamo in una buona prestazione". Lasagna: "Ragioniamo su come far male alla Roma"

UDINESE TV - Seko Fofana, centrocampista dell'Udinese, ha rilasciato alcune dichiarazioni al termine della sconfitta contro l'Atalanta, dove oltre a commentare la partita ha parlato anche della prossima sfida contro la Roma. Queste le sue parole: "Direi che è stata una grande partita da parte di tutta la squadra, abbiamo avuto diverse occasioni ma purtroppo a volte abbiamo mancato l'appuntamento con il gol. Stiamo lavorando bene e siamo sulla giusta strada, non dobbiamo mollare e alla fine la fortuna arriverà. Siamo tutti un po' tristi perché avevamo preparato bene questa partita. Inoltre sappiamo tutti che l'Atalanta è una delle squadre più forti d'Europa ma noi abbiamo disputato una buona gara e abbiamo dimostrato di saper anche segnare. Contro l'Atalanta abbiamo dato tutto con l'atteggiamento giusto. Per la Roma poi recupereremo anche de Paul, del quale in questo caso abbiamo fatto a meno ma che resta sempre un giocatore fondamentale, quindi speriamo di produrre una buona prestazione. Walace? Sono contento per lui perché secondo me si tratta di un giocatore molto forte e ha dimostrato di essere pronto. Infine vorrei dedicare un pensiero a Mandragora, la cui assenza mi rende molto triste. Mi manca e manca a tutto il gruppo, perciò speriamo di riuscire a conquistare dei punti per lui e per la squadra nelle prossime partite".

Anche il capitano dell'Udinese, Kevin Lasagna, è intervenuto ai microfoni dell'emittente della squadra, parlando della prossima partita contro la Roma e dell'ultimo match contro l'Atalanta: "L'avevamo preparata così, ovvero giocando sulle ripartenze perché sapevamo che l'Atalanta lascia spesso l'uno contro uno dietro. Questa direi che è stata una mossa azzeccata da parte del mister perché abbiamo fatto male parecchie volte, è un peccato non portare a casa punti perché abbiamo messo tutti grande voglia e qualità. Per me la doppietta è importantissima a livello mentale e credo che tutte queste ultime 10 partite dovranno essere delle finali per noi e dovremo andare a giocarcele con il coltello tra i denti per fare risultato. Mandragora? Me lo sono sognato il gol perché Rolando è un ragazzo a cui voglio molto bene e sono contento di aver segnato per lui. Infine penso che con delle partite così ravvicinate si debba pensare il meno possibile a quanto appena successo, mantenendo comunque la prestazione, e ragionare subito su come fare male alla Roma".